Corsi_ambiente

TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE. NOMINA DEL CONSULENTE ADR: I CASI DI ESENZIONE.

Il DM 4 luglio 2000 del Ministero Trasporti, statuisce quelli che sono i casi di esenzione con riferimento alla nomina del Consulente ADR per le aziende che si occupano di trasporto e operazioni connesse al trasporto (carico, scarico e movimentazione) di merci pericolose.

I requisiti per poter usufruire di questa agevolazione sono:

A) effettuare sempre, esclusivamente, trasporti in esenzione parziale e/o totale (vedere anche art. 3, comma 6, lettera ‘a’ – D.Lgs. 40/2000);
B) effettuare trasporti in colli od alla rinfusa, in ambito nazionale, di materie od oggetti ai quali è associato il riconoscimento del livello di rischio più basso (gruppo d’imballaggio III);
C) effettuare operazioni di carico delle merci di cui alla lettera B), in colli od alla rinfusa, ovvero anche in cisterna qualora le materie caricate siano residui di lavorazione e rifiuti prodotti dall’impresa stessa.

Per le situazioni (B) e (C) non deve essere superato (per ogni impresa) il limite di un numero massimo di operazioni annue pari a 24, con  3 operazioni nello stesso mese e un totale complessivo annuo massimo non superiore a 180 tonnellate.

L’esenzione  si applica qualora l’impresa comunichi l’intenzione di avvalersene all’ufficio provinciale del Dipartimento dei trasporti terrestri nella cui circoscrizione ha la sede o la rappresentanza legale, prima di dare avvio, per ciascun anno solare, alle operazioni di cui alle lettere B) e C).

La copia della comunicazione deve accompagnare la merce pericolosa in ciascuna delle stesse operazioni corredate, a cura dell’impresa, della preventiva annotazione della data, del tipo e della quantità della merce trasportata ogni volta.

Ricordiamo che in caso di mancata nomina del Consulente, il D.Lgs. 35/2010 all’art. 12 prevede quanto segue:
“Il legale rappresentante dell’impresa che viola le disposizioni dell’articolo 11 , comma 2, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 6.000 euro a 36.000 euro.”

La mancara nomina può aver conseguenze ancor più gravi in caso di sinistro con conseguente giudizio penale e  civile di risarcimento danni.

Link al decreto: http://www.tuttocamere.it/files/attivita/2000_07_04.pdf

avatar
Consulente e docente ADR/RID/IMDG (DGSA), specializzato sulla normativa ADR/RID, codice IMDG, CLP e schede di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *